Docenti

Giacomo Baroffio

ha studiato violino a Novara con il maestro Giulio Riccardi, si è specializzato in musicologia con Karl Gustav Fellerer, Marius Schneider, Bruno Stäblein e ha conseguito la laurea a Köln con una tesi sul canto ambrosiano. Ha approfondito gli studi teologici a Roma e vissuto l'esperienza monastica nell’Ordine benedettino. Ha insegnato materie teologiche a Genova e Novara, liturgiche a Padova e musicologiche a Cassino, Cremona e Milano. Ha tenuto seminari e conferenze in Italia e all’estero; ha cantato e diretto alcuni cori gregoriani tra cui Kantores e Septenarius. Con ricerche mirate ha approfondito in particolare alcune tematiche di bibliologia liturgica delle fonti manoscritte italiane e le relazioni di differenti repertori cantoriali (beneventano, romano antico, ambrosiano, gregoriano e ispanico) in una panoramica comparativa (vergleichende Chiralwissenschaft). 

Bruna Caruso

ha conseguito con lode la Laurea in Dams (Musica) presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Bologna (rel. prof. N. Albarosa). Ha poi proseguito la sua formazione con il prof. Albarosa stesso e ha frequentato numerosi corsi di semiologia, modalità, interpretazione ed estetica gregoriana organizzati dall’AISCGre in Cremona, tenuti da L. Agustoni, G. Baroffio, J.B. Göschl, H. Rumphorst, A. Turco. Fondatrice a Bologna, nel 1991, del Coro gregoriano Mediae Aetatis Sodalicium, diretto dal maestro Albarosa fino al 2014, è di questi stata la prima collaboratrice. Del coro ha seguito tutti i percorsi sia in Italia sia all’estero e con esso ha inciso per Calig, Edizioni San Paolo Audiovisivi, Stradivarius e Tactus. Dal 1995 è docente di semiologia gregoriana e interpretazione in corsi e seminari internazionali. Dal 2005 al 2009 ha diretto il coro gregoriano Cantores Sancti Benedicti di Seregno (MI), dal 2010 al 2014 il coro Etheria di Bergamo, con il quale si è occupata anche di repertori tardivi. Dal 2015 ha assunto la direzione del coro gregoriano Mediae Aetatis Sodalicium. 

Carmen Petcu

ha studiato direzione di coro all’Università Nazionale di Musica di Bucarest dal 1996 al 2001, dirigendo il coro polifonico della stessa Università. Ha studiato canto gregoriano presso il Pontificio Istituto di Musica Sacra in Roma, dove ha conseguto con il massimo dei voti il Magistero (relatore prof. N. Albarosa) e il Dottorato summa cum laude in Paleografia e Semiologia Gregoriana (relatore mons. A. Turco). Già docente di canto gregoriano presso l’Istituto di Musica Sacra di Padova, dal 2008 è docente di canto gregoriano ai seminari Verbum Resonans. Collabora con monasteri benedettini nell’insegnamento e perfezionamento dell’interpretazione del canto gregoriano ed è direttore invitato dell’Ensemble Armonia di Cordenons (Pn). Dal 2010 ha fondato a Bucarest l’Istituto Ecumenico di Musica Sacra e ha fondato e dirige la schola gregoriana femminile In Dulci Jubilo dello stesso istituto, con cui ha sostenuto concerti in Romania e all’estero, prestando allo stesso tempo servizio liturgico nella Cattedrale di San Giuseppe e in altre parrocchie di Bucarest; ha fondato e diretto anche i Pueri Cantores di Bucarest, voci bianche specializzate in musica sacra e liturgica, dal 2013 iscritto alla Federazione Internazionale Pueri Cantores, con cui ha sostenuto concerti e tournée in Romania e all’estero. Dal 2015 lavora alla formazione vocale, musicale e strumentale dei Pueri Cantores San Luigi Gonzaga di Suzzara (Mn), con cui sostiene concerti, anima liturgie solenni e partecipa ai concorsi corali per voci bianche; inoltre collabora con la schola gregoriana San Biagio di Suzzara (Mn) di cui dirige la sezione maschile.

Francesca Provezza

cantante, laureata in canto rinascimentale e barocco presso il conservatorio di Vicenza e in canto medievale presso l’università di Trossingen (Germania), ha seguito corsi di canto gregoriano presso l’Aiscgre di Cremona e il Pims di roma. Allieva del professor Nino Albarosa e dalla dott.ssa Bruna Caruso, è voce solista del coro gregoriano Mediae Aetatis Sodalicium. Segue da anni la pedagogia della voce secondo la metodologia di Gisela Rohmert. Abbraccia la didattica Kodaly, seguendone la formazione presso l'Aikem di Torino e studia direzione corale con diversi maestri. Canta in varie formazioni vocali e dirige cori di voci bianche e di adulti.

Marzio Serbo

nato a Trieste il 28 agosto 1965, ha conseguito la licenza in teologia con specializzazione liturgico-pastorale presso l'Istituto Liturgico Pastorale di S. Giustina di Padova, incorporato al Pontificio Ateneo di S. Anselmo a Roma. È docente presso una scuola secondaria di primo grado di Trieste, dove si occupa da decenni di progetti in ambito teatrale e musicale curando produzioni di spettacoli realizzati dagli studenti in grandi teatri della città e organizzando l'ormai tradizionale rassegna corale delle scuole medie e superiori della provincia di Trieste "Coralmente...". Da diversi anni è referente coordinatore per le relazioni fra la rete delle scuole della provincia di Trieste e la Fondazione teatro lirico Giuseppe Verdi. Giornalista pubblicista, si occupa spesso di recensioni teatrali. Ha coordinato all'estero laboratori didattici di teatro per studenti universitari e ha fatto esperienza di assistente alla regia in produzioni liriche. La struttura del rito e la sua efficacia sono il cuore dei suoi interessi e della sua attuale ricerca accademica. È autore del testo «La danza della voce», nella collana Percorsi nella Liturgia per le edizioni Messaggero di Padova, in uscita ad ottobre 2018.

Michał Sławecki

si è laureato con il massimo di voti in musica sacra (2006) e in composizione (2008) presso l’Accademia di Musica F. Chopin di Varsavia. Ha continuato gli studi musicali presso il Conservatorio A. Casella de L’Aquila e presso il Pontificio Istituto di Musica Sacra di Roma. Si è formato in canto gregoriano con Nino Albarosa e in vari corsi internazionali con diversi diversi maestri, tra cui Johannes B. Göschl e Alberto Turco. È direttore del coro polifonico dell’Università Cattolica S. Wyszynski di Varsavia e di due cori gregoriani: Mulierum Schola Gregoriana Clamaverunt Iusti (dal 2007) e Schola Gregoriana Cardinalis Stephani Wyszynski (dal 2013). Dal 2008 è professore di canto gregoriano e musica sacra presso l’Università di Musica F. Chopin di Varsavia dove, nel 2012, ha conseguito il dottorato con la tesi Topos romano-franco. Aspetto interpretativo. Nel 2013 ha fondato il Centro di Studio del Canto Gregoriano nel monastero di S. Massimiliano Kolbe a Niepokalanów. Nel 2016 ha ottenuto il grado di abilitazione artistica in direzione corale. Tiene numerosi corsi di canto gregoriano in Polonia e all’estero.

Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.