08/05/2020

Coronavirus: è possibile riprendere le prove?

In seguito a una precisazione derivante dalla seguente FAQ pubblicata dalla Protezione Civile regionale il 6 maggio, sembrerebbe aprirsi uno spiraglio per la ripresa delle prove dei nostri cori:

Il canto corale e i corsi musicali svolti nelle sedi delle Scuole di Musica delle Associazioni Bandistiche rientrano tra le prestazioni di attività formative di tipo laboratoriale non altrimenti esercitabili a distanza?
Sì, qualora esercitati nel pieno rispetto delle norme sanitarie anti-contagio specificate al punto 23 dell’Ordinanza n. 12/PC.

Questa risposta è basata sul punto 23 dell'Ordinanza 12/PC, che recita:

che sia consentito agli enti pubblici, anche territoriali e locali e ai soggetti privati che erogano attività formative, la prestazione di attività formative di tipo laboratoriale non altrimenti esercitabili a distanza, a condizione che vi sia un’organizzazione degli spazi e del lavoro tale da ridurre al massimo il rischio di prossimità e di aggregazione e che vengano adottate misure organizzative di prevenzione e protezione contestualizzate alle esigenze laboratoriali, anche avuto riguardo alle specifiche esigenze delle persone con disabilità, di cui al “Documento tecnico sulla possibile rimodulazione delle misure di contenimento del contagio da SARS-CoV-2 nei luoghi di lavoro e strategie di prevenzione” pubblicato dall’INAIL.

Da parte nostra, stiamo valutando i rischi e le implicazioni di responsabilità collegati all’attuazione di tali misure. Nel frattempo, invitiamo tutti i nostri cori a:

  • agire con la massima prudenza e solo nel pieno rispetto delle disposizioni;
  • tutelare in primo luogo la salute, la sicurezza e la serenità dei singoli coristi;
  • leggere attentamente il succitato “Documento tecnico sulla possibile rimodulazione delle misure di contenimento del contagio da SARS-CoV-2 nei luoghi di lavoro e strategie di prevenzione” pubblicato dall’INAIL (clicca qui);
  • valutare attentamente le responsabilità civili e penali in capo al legale rappresentante dell’associazione nell’attuare le misure di prevenzione e protezione;
  • verificare e concordare con le proprie Amministrazioni Comunali le modalità per un’eventuale ripresa. 

L’attuale situazione di emergenza – tutt’ora in atto – necessita della massima responsabilità e cooperazione da parte di ciascuno nel prevenire complicazioni dal punto di vista sanitario, sociale e giuridico. 

Rimaniamo in contatto costante con la Regione FVG per aggiornarvi sulla situazione.

Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più . Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.