Modulo 1

Tra voci e strumenti

Docente: Alessandro Cadario

Il tema centrale della proposta formativa dell’Usci Gorizia riguarda il rapporto tra la voce umana e gli strumenti musicali, in particolare ad arco o a tastiera, nel contesto della pratica corale e di come esso sia stato sviluppato nella produzione musicale degli ultimi due secoli, da inizio Ottocento a oggi. Un repertorio la cui esecuzione richiede competenze e attenzioni particolari soprattutto da parte del direttore che verranno affrontate attraverso un percorso che analizzerà le problematiche tecnico-esecutive e stilistiche sia strumentali che corali. A guidare questa esperienza sarà il maestro Alessandro Cadario, promettente direttore d’orchestra con alla base una significativa e qualificata esperienza corale, sia in veste di direttore che di compositore.
La proposta è rivolta ai direttori che desiderano affrontare questo repertorio, sempre più richiesto, ma coinvolge anche i cori che potranno sperimentare l’esperienza di coro-laboratorio. La parte strumentale sarà invece affidata ai giovani musicisti della Scuola di Musica di Farra d’Isonzo.

destinatari

• direttori di coro (attivi e uditori)

calendario del corso

17-18 febbraio
10-11 marzo
7-8 aprile

orari

SABATO 15.00-19.00
DOMENICA 10.00-13.00

contributi di partecipazione

Iscritti Usci Fvg
• direttori attivi: € 80
• uditori: € 50

Altri partecipanti
• direttori attivi: € 100
• uditori: € 60

sede del corso

FOGLIANO REDIPUGLIA (GO)
Biblioteca Comunale - Sala Marizza (Via Madonnina, 7)

organizzazione

Usci Gorizia

Docente

Alessandro Cadario

È attualmente Direttore ospite principale dell’Orchestra I Pomeriggi Musicali di Milano. Ha compiuto gli studi di direzione d’orchestra al Conservatorio G. Verdi di Milano, perfezionandosi con diploma di merito presso l’Accademia Musicale Chigiana di Siena. Ha inoltre conseguito il diploma di violino, la laurea in direzione di coro e in composizione. Ha diretto importanti orchestre tra cui l’Orchestra Filarmonica della Fenice, l’Orchestra Filarmonica di Montecarlo, l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, l’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, la Filarmonica Arturo Toscanini, l’Orchestra e Coro del Teatro Petruzzelli di Bari, l’Orchestra e Coro del Teatro Verdi di Trieste, la Filarmonica Marchigiana, l’Orchestra e Coro del Teatro Lirico di Cagliari, l’Orchestra di Padova e del Veneto. Vincitore del premio “Peter Maag” nel 2012, ha definitivamente attirato l’attenzione degli addetti ai lavori nel 2014, in occasione del suo debutto alla Società del Quartetto di Milano e, nel 2015, con la direzione di Pollicino di H.W. Henze, al Maggio Musicale Fiorentino e con un concerto nella stagione sinfonica del Teatro Petruzzelli di Bari, di cui è stata particolarmente apprezzata l’interpretazione rossiniana (“Stabat Mater: con Cadario è un gran Rossini”, titola la Gazzetta del Mezzogiorno). Sempre nel 2015, ha debuttato al Teatro alla Scala di Milano in occasione del Festival delle orchestre internazionali. Nel 2016 Alessandro Cadario ha debuttato con l’Orchestra del Teatro Massimo di Palermo e al Festival MITO SettembreMusica. Ha diretto inoltre la City Chamber Orchestra di Hong Kong nella Grande Messa in do minore K.427 di Mozart, in occasione del suo debutto in Cina e lo stesso anno ha debuttato anche alla Biennale Musica di Venezia. Nel 2018 debutterà nella stagione sinfonica del Teatro Carlo Felice di Genova e ritornerà per il terzo anno consecutivo al Teatro Massimo di Palermo. È stato scelto dalla Presidenza del Senato per dirigere il prestigioso concerto natalizio 2017 – in diretta Rai1, solista Giovanni Sollima. Collabora con l’Orchestra Nazionale dei Conservatori Italiani, con numerosi cori giovanili e con FuturOrchestra, Orchestra Giovanile Lombarda del Sistema delle Orchestre e dei Cori Giovanili in Italia, un progetto fortemente voluto dal M° Claudio Abbado, cui Alessandro Cadario continua a rivolgere le energie di chi desidera fortemente contribuire alla formazione della futura generazione di musicisti.
Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.